Le poesie di Eduardo

Dopo avere scritto poesie giovanili, come fanno pi o meno tutti i ragazzi, questa attivit divenne per me un aiuto durante la stesura delle mie opere teatrali. Mi succedeva, a volte, scrivendo una commedia, d'impuntarmi su una situazione da sviluppare in modo da poterla agganciare pi avanti ad un'altra, e allora, messo da parte il copione, per non alzarmi dal tavolino con un problema irrisolto, il che avrebbe significato non aver pi voglia di riprendere il lavoro per chiss quanto tempo, mi mettevo davanti un foglio bianco e buttavo gi versi che avessero attinenza con l'argomento e i personaggi dei lavoro interrotto. Questo mi portava sempre piu vicino alla essenza dei mio pensiero e mi permetteva di superare gli ostacoli. Per esempio, " 'A gatta d"o palazzo " e " Tre ppiccerilli " mi aiutarono ad andare avanti con " Filumena Marturano ". Come la gatta lascia il biglietto da mille lire e mangia il cibo, cos Filumena non mira al danaro di Domenico Soriano ma alla pace e alla serenit dei suoi figli. I quali figli sono poi i tre bambini sotto un ombrello che vidi davvero una mattina in un vicolo di Napoli, uniti nella poesia, separati nella vicenda teatrale fino al momento della rivelazione di Filumena. Mentre scrivevo " Questi fantasmi ", per chiarire a me stesso il tormento di Pasquale Lojacono, ebbi bisogno di " Io vulesse truva' pace". Talvolta l'impuntatura riguarda questioni di linguaggio. Per esempio, per rendere vivo il modo d'esprimersi di Amalia Jovine nel secondo atto di " Napoli milionaria ", scrissi " L'enemì ", avendo in mente il tipo di popolana napoletana che usa termini a lei inconsueti e cos, per paura di sbagliare le finali delle parole, le elimina dei tutto. Invece di dire "vitamina" dice "vitamì", invece di "anemia", "enemì": l'eterna anemia dei popolo napoletano. A poco a poco ci ho preso gusto e ora scrivo poesie anche indipendentemente dalle commedie. Fra le tante che si sono andate accumulando sul mio tavolo ho scelto quelle che pi mi piacevano per farne una raccolta di versi, alcuni gi pubblicati in " Il paese di Pulcinella 2 e in " '0 canisto", e altri inediti.

Eduardo De Filippo

'A gatta d' 'o palazzo

Trase p' 'a porta,
p nu fenestiello,
p na fenesta, si t' 'a scuorde aperta,
quanno meno t' 'aspiette.

P copp' 'e titte,
da na loggia a n'ata,
se ruciula p dint' 'a cemmenera.
E manco te n'adduone
quann' trasuta:
P copp' 'o curnicione
plffete!, int' 'o balcone,
e fa colazione
dint' 'a cucina toia.

È 'a gatta d' 'o palazzo.
Padrone nun ne tene.
Nunn' c ' 'a vonno male,
ma essa 'o ssape
che manc' 'a vonno bene.

Te guarda cu dduie uocchie speretate:
lsa.
N'ha avute scarpe appresso e ssecutate.
È mariola!
Ma 'a povera bestiella, c'adda fa?
È marola pecch v mangi.

È mariola...
Chest' 'o ddce a' ggente;
ma i' nun ce credo, pecch, tiene mente:
tu lasse int' 'a cucina, che ssaccio...
nu saciccio.

Lsselo arravugliato
dint' a na bella carta 'e mille lire.
Tuorne 'a matina:
'a mille lire 'a truove, che te crire?
Nzevata. Ma sta ll.

L'enemì

"Carmenella Benvenuto,
a sapte, 'a pezzecata,
'a nepote d' 'a malata
ca se cura l' "enemì"...

ca p bbia d' 'e svenimente
fa na cura rinfurzata
ca si chiamma... ce l'ha data
nu duttore... Vtamì!

Fa miracule sta cura:
s sserenghe introvinose
ca nun songo dolorose...
m m' 'e faccio f pur'i'!

Tengo sempe nu delore,
cumme fosse pesantezza...
na patna e na stanchezza
c'accumencia dall'occ...

Dunque... E m chi se ricorda
che dicevo... Uh, santa Rita,
me s proprio rimbambita!
'A vedite, l' " enem" ? "